martedì 15 marzo 2016

Visitare Catania in 3 ore - walking tour

E' possibile visitare Catania in 3 ore?
Lasciatemi subito precisare che la città etnea è talmente ricca di cose da scoprire che ci vorrebbero almeno 2 o 3 giorni per conoscerla da cima a fondo. Ma spesso i turisti hanno poco tempo a disposizione e, giustamente, desiderano anche associare alla visita di Catania un'escursione sull'Etna, un pomeriggio al mare o una passeggiata a Taormina.

Ecco quindi la necessità di condensare in poco tempo tutto ciò che è essenziale vedere una volta giunti a Catania.
Ce la si fa in tre ore?
Non so.
Di certo ce la si fa con me, o con un'altra guida turistica che, senza bisogno di mappe stradali, opuscoli e guide da leggere, conduce i turisti dritti e sicuri verso le principali "attrazioni".


walking tour catania l'essenziale da vedere

Per questo recentemente ho attivato (e sperimentato con due gruppi da 50 persone ciascuno) un walking tour che ho chiamato "Catania, l'essenziale" (che potete trovare nella pagina dei miei "percorsi guidati" insieme ad altre proposte).

Di cosa si tratta?
E' una passeggiata piuttosto facile attraverso il centro storico di Catania, adatta a tutti. L'obiettivo del percorso è toccare i luoghi e i monumenti più importanti per conoscere la storia della città e i personaggi illustri del suo passato, gustarne l'atmosfera, scoprirne le tradizioni.
La passeggiata dura circa 3 ore e non necessita di particolari attrezzature o vestiario (ma portatevi la macchina fotografica!).

walking tour catania cosa vedere
Liotru
Qual è il percorso?

Piazza Duomo
Il salotto barocco della città, dove scoprire tante storie dietro a monumenti interessantissimi come la Cattedrale di Sant'Agata, Palazzo dei Chierici, Palazzo degli Elefanti, il Liotru. Un'occhiata anche all'Amenano, fiume sotterraneo che fa capolino nell'omonima fontana, e ai palazzi nobiliari (bellissimi i balconi di Palazzo Pardo!).

Via Etnea
L'arteria principale della città, che sale per 3 km in direzione Etna (e che fa capolino tra i palazzi, maestoso in ogni stagione).
La via dello shopping, ok, ma anche il percorso più facile per vedere capolavori come la chiesa della Collegiata e scoprire angoli suggestivi come Piazza Università (con i suoi lampioni che raccontano leggende) e i "quattro canti".

Piazza Stesicoro
La figura di Vincenzo Bellini, compositore catanese, osserva i passanti dal  seggio in cima al suo monumento. Dall'altro lato della piazza ecco quanto resta dell'anfiteatro romano, in parte distrutto e in parte sepolto, così grande da fare parte della top 5 degli anfiteatri dell'impero, insieme al Colosseo e all'Arena di Verona, tanto per fare due nomi.

Via Crociferi
Il set cinematografico di "Storia di una capinera" e "Il bell'Antonio", un condensato di monasteri in una via tranquilla e dal fascino d'altri tempi.


castello di catania
Catania - Castello Ursino
Piazza Mazzini
Forse la piazza catanese che amo di più. Sarà il porticato un po' "esotico" per queste latitudini, sarà la pianta inusuale (un quadrato attraversato al centro da due strade) o la consapevolezza che le sue colonne sono romane.
Per me bisogna passarci per forza!

Castello Ursino
Un massiccio baluardo medievale, messo in crisi da un'eruzione lavica dalle proporzioni inimmaginabili, ma sempre affascinante e da osservare nel dettaglio.

E se volessimo aggiungere qualcosa?
Questo percorso si svolge tutto all'esterno. Non sono previsti biglietti d'ingresso ai monumenti e la passeggiata si svolge con continuità senza fermate.
Ma avendo più tempo, magari un'intera giornata, è possibile ampliare la conoscenza di Catania visitando qualche museo e/o sito archeologico, oppure spingendosi un po' più lontano da questo percorso.

I miei suggerimenti sono:
  • prendersi una pausa all'ombra degli alberi di Villa Belllini
  • visitare la casa natale di Giovanni Verga, fresca di restauro
  • entrare al teatro greco-romano ("sepolto", è il caso di dire, dalle case del centro)
  • scoprire qualcosa in più su Vincenzo Bellini visitandone la casa e arrivando poi fino al teatro a lui dedicato
  • visitare i musei civici, dedicandosi soprattutto alla splendida collezione archeologica (ma anche la pinacoteca merita un po' del nostro tempo)
  • avere un assaggio della Catania sotterranea scendendo nelle Terme Achilliane
  • salire sulla collina di Montevergine, l'acropoli della città greca, e perdersi nella maestosità del Monastero dei Benedettini
  • farsi ispirare da questa lista di "siti d'interesse"

Nessun commento:

Posta un commento

Leggi anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...